Retime (1° parte)      

Questa funzione cambia il timing della linea generata dal template. In pratica modifica i campi: tempo iniziale, tempo finale e di conseguenza la durata della linea stessa.





Il retime è utilissimo per creare effetti complessi sulla linea.
Questa funzione può essere usata una volta sola nel template.

Si usa in questo modo:
!retime(mode, addstart, addend)!

mode: è una stringa che deve contenere un valore specifico, scelto tra quelli preimpostati, e specifica in che modo andare a variare il tempo iniziale e finale. Poiché si tratta di una stringa, il nome dev’essere racchiuso tra due “”.

addstart e addend: sono valori che stanno ad indicare la variazione del timing iniziale e finale della nuova linea, se non vengono specificati assumono il valore predefinito di zero.
Questi parametri, cambiano leggermente di significato a seconda della stringa mode, ma in generale si tratta di un numero in millisecondi, che fa variare il tempo “base/originario” controllato dalla stringa mode.

La stringa mode può essere:
abs o set – in cui addstart e addend vengono presi come valori temporali assoluti per impostare direttamente un nuovo timing iniziale e finale della linea.

preline – per creare un effetto riferito al timing d’inizio della linea presa in considerazione. La nuova riga creata avrà come timing d’inizio e fine, il timing iniziale originale della linea, “aggiustato” con i valori addstart e addend. Solitamente si utilizza un valore negativo per addstart (ad indicare appunto un timing antecedente a quello originale della linea), ed un valore pari a zero come addend (che indica nessuna variazione dopo).



Per capire bene il timing che prende in considerazione il preline ecco un esempio con: !retime("preline",0,0)!



Come si vede, le nuove righe create, hanno il timing iniziale e finale che corrisponde al timing iniziale della riga originale: 0:00:22.14.

postline - Simile a preline, ma il timing preso in considerazione è il tempo finale della linea invece di quello iniziale. Solitamente si usa zero per addstart e valori positivi per addend.



Anche qui, vediamo che timing viene preso in considerazione se usiamo solo postline senza addstart e addend: !retime("postline",0,0)!



Come si vede, le nuove righe create, hanno il timing iniziale e finale che corrisponde al timing finale della riga originale: 0:00:24.52.

Ora applichiamo invece un po’ di variazioni e vediamo cosa succede.

!retime("preline",-400,0)!
!retime("postline",0,300)!



Le nuove righe create dal karaoke templater, sono due per ogni sillaba (una per il template preline ed una per il template postline), inoltre è cambiato il timing di queste righe.
Nello specifico, per la riga creata dal preline: !retime("preline",-400,0)!. Gli è stato detto di anticipare il timing iniziale di 400 msec e di lasciare invariato il timing finale ed ecco quindi che abbiamo:
Dialogue: 0,0:00:21.74,0:00:22.14,romaji,,0000,0000,0000,fx,{\c&H04174C&\move(780,212,15,15)}no
0:00:22.14 - 40 (centisec = 400 msec) = 0:00:21.74.
Per quanto riguarda il postline: !retime("postline",0,300)!. Gli viene detto di lasciare invariato il timing iniziale e di aumentare di 300 msec il timing finale, quindi:
Dialogue: 0,0:00:24.52,0:00:24.82,romaji,,0000,0000,0000,fx,{\move(35,44,35,90)\t(0,213,\alpha&HFF&)}no
0:00:24.52 + 30 (centisec = 300 msec) = 0:00:24.82.

Ora, dopo aver visto come viene applicato il timing, vediamo anche un esempio con degli effetti:
!retime("preline",-400,0)!{\c&H04174C&\move(780,212,$sx,$sy)}
!retime("postline",0,300)!{\move($scenter,$smiddle,-10,269)}

This text will be replaced