Retime (2° parte)      


presyl - Simile al preline, ma prende in considerazione il timing delle sillabe e agisce sul valore iniziale.



postsyl – Simile al presyl, ma il timing preso in considerazione è il tempo finale della sillaba invece di quello iniziale. Solitamente si usa zero per addstart e valori positivi per addend.



Per capire bene i timing che vengono presi in considerazione per presyl e postsyl, anche qui facciamo un esempio senza addstart e addend: !retime("presyl",0,0)! e !retime("postsyl",0,0)!



La nostra riga originale con timing e valori di \k è questa:
Comment: 1,0:00:22.14,0:00:24.52,romaji,,0000,0000,0000,karaoke,{\k22}no {\k24}ha{\k21}ra {\k45}wo {\k20}ka{\k23}ke{\k8}da{\k36}shi{\k37}te

La nuova riga creata dal retime presyl è questa:
Dialogue: 0,0:00:22.14,0:00:22.14,romaji,,0000,0000,0000,fx,{\t(\alpha&H00&)}no
Dialogue: 0,0:00:22.36,0:00:22.36,romaji,,0000,0000,0000,fx,{\t(\alpha&H00&)}ha
Dialogue: 0,0:00:22.60,0:00:22.60,romaji,,0000,0000,0000,fx,{\t(\alpha&H00&)}ra
Chiaramente la prima sillaba (no) ha come timing quello iniziale della linea, quindi non lo prendiamo in considerazione per la spiegazione.
La seconda sillaba (ha) inizia 22 centisec dopo il timing d’inizio della linea (indicato dal {\k22} che è la durata della sillaba precedente: no).
Quindi:
0:00:22.14 + 22 = 0:00:22.36
La terza sillaba (ra) inizia 24 + 22 centisec dopo il timing d’inizio della linea (cioè la somma dei \k delle sillabe precedenti a questa).
Quindi:
0:00:22.14 + 22 + 24 = 0:00:22.60
e così via….

La nuova riga creata, invece, dal retime postsyl è questa:
Dialogue: 0,0:00:22.36,0:00:22.36,romaji,,0000,0000,0000,fx,{t(\alpha&HFF&)}no
Dialogue: 0,0:00:22.60,0:00:22.60,romaji,,0000,0000,0000,fx,{\t(\alpha&HFF&)}ha
Dialogue: 0,0:00:22.81,0:00:22.81,romaji,,0000,0000,0000,fx,{\t(\alpha&HFF&)}ra
La prima sillaba (no) ha come timing quello d’inizio della linea sommato alla durata della sillaba stessa ({\k22} no).
0:00:22.14 + 22 = 0:00:22.36
La seconda sillaba (ha) inizia ha come timing della somma delle due sillabe ({\k22} e {\k24}). Quindi:
0:00:22.14 + 22 + 24 = 0:00:22.60
La terza sillaba (ra) inizia 24 + 22 + 21 centisec dopo il timing d’inizio della linea (cioè la somma dei \k delle sillabe precedenti a questa). Quindi:
0:00:22.14 + 22 + 24 + 21 = 0:00:22.81
e così via….

Ora applichiamo invece un po’ di variazioni e vediamo cosa succede.
!retime("presyl", -400, 0)!
!retime("postsyl", 0, 300)!



Come si vede, le nuove righe che ha creato il karaoke templater sono due per ogni sillaba (una per il template presyl ed una per il template postsyl), inoltre è cambiato il timing di queste righe.
Nello specifico per la riga creata dal presyl: !retime("presyl",-400,0)!. Gli è stato detto di anticipare il timing iniziale di 400 msec e di lasciare invariato il finale.
La nostra riga originale è la solita:
Comment: 1,0:00:22.14,0:00:24.52,romaji,,0000,0000,0000,karaoke,{\k22}no {\k24}ha{\k21}ra {\k45}wo {\k20}ka{\k23}ke{\k8}da{\k36}shi{\k37}te

Il timing iniziale della prima sillaba corrisponde a quello della linea: 0:00:22.14 a cui dobbiamo togliere i 400 msec indicati dal valore addstart, quindi:
0:00:22.14 - 40 (centisec = 400 msec) = 0:00:21.74
Il timing finale non subisce variazioni, di conseguenza abbiamo:
Dialogue: 0,0:00:21.74,0:00:22.14,romaji,,0000,0000,0000,fx,{\t(\alpha&H00&)}no
Passando alla seconda sillaba, il timing sarebbe come abbiamo detto prima: 0:00:22.14 + 22 = 0:00:22.36
Ma dobbiamo “aggiustarlo” del valore addstart (-400), quindi:
0:00:22.14 + 22 = 0:00:22.36 – 40 = 0:00:21.96
La terza sillaba: 0:00:22.14 + 22 + 24 = 0:00:22.60 – 40 = 0:00:22.20
E così via…

Per quanto riguarda il postsyl: !retime("postsyl",0,300)!. Gli viene detto di lasciare invariato il timing iniziale e di aumentare di 300 msec quello finale.
Il timing finale della prima sillaba lo abbiamo visto prima: 0:00:22.14 + 22 = 0:00:22.36 (timing d’inizio della linea sommato alla durata della sillaba {\k22}). A questo valore, dobbiamo sommare i 300 msec indicati dal valore addend, quindi:
0:00:22.36 + 30 (centisec = 300 msec) = 0:00:22.66
Il timing iniziale non subisce variazioni:
Dialogue: 0,0:00:22.36,0:00:22.66,romaji,,0000,0000,0000,fx,{\t(\alpha&HFF&)}no
Passiamo alla seconda sillaba, il timing sarebbe: 0:00:22.14 + 22 + 24 = 0:00:22.60.
Ma dobbiamo “aggiustarlo” del valore addend (300), quindi:
0:00:22.14 + 22 + 24 = 0:00:22.60 + 30 = 0:00:22.90
La terza sillaba: 0:00:22.14 + 22 + 24 + 21 = 0:00:22.81 + 30 = 0:00:23.11
E così via…

Tutto questo solo per far capire come ragiona il retime, tanto i calcoli li fa lui. :p

Ora, dopo aver visto come viene applicato il timing, vediamo anche un esempio con degli effetti:
!retime("presyl", -400, 0)!{\alpha&HFF&\c&H04174C&\move(600,300,$scenter,$smiddle)\t(\alpha&H00&)}
!retime("postsyl", 0, 300)!{\move($scenter,$smiddle,-10,269)\t(\alpha&HFF&)}

This text will be replaced

Naturalmente, per questo video, ho aggiunto anche un template line per l'effetto del testo, altrimenti inserendo solo presyl e postsyl avremmo visto solo:

This text will be replaced